giovedì 18 ottobre 2007

e ancora........Rosae Mnemosis

SPAZIOINMOSTRA

ART BOX: SCATOLE D’AUTORE PER VINO D’ANNATA
Quando la bellezza della forma esalta l’esclusività del contenuto

Presentazione a Milano il 26 ottobre 2007

L’arte e il vino si sposano nella nuova iniziativa di Federica Ghizzoni, innovativa gallerista di SPAZIOINMOSTRA, e Silvia Maestrelli, produttrice dell’azienda vinicola toscana Villa Petriolo.

Il prossimo 26 ottobre a Milano sarà presentata ART BOX, una serie limitata di 300 scatole di vino bordolese della prima annata di Rosae Mnemosis.Le scatole del vino sono realizzate per l’occasione e in via esclusiva dall’artista contemporaneo Vanni Cuoghi.

C´è tutta la voglia di stupire e di divertire nell’innovativo progetto di Federica Ghizzoni e Silvia Maestrelli. C´è il desiderio di scoprire nuovi orizzonti nel vino e nella comunicazione visiva. In questo caso si parla di un vino, ma si parla anche di un evento, e di un artista contemporaneo che con la sua opera ha messo un accento di esclusività a tutta l’iniziativa.

Il vino che sta alla base di questo nuovo progetto si chiama Rosae Mnemosis, un vero e proprio esordio per l´ultimo nato di Villa Petriolo. “Memoria della rosa” perché alla rosa è legato in modo indissolubile: è proprio un grande roseto a fare da cornice alla vigna.

Per Rosae Mnemosis nasce dalla selezione dell’uva di un singolo vigneto che esprime con forza il proprio carattere. Per questo il vino non poteva che avere un contenitore in grado esprimere al meglio la sua personalità.

Per un vino che viene prodotto in sole 6.000 bottiglie sono state realizzate 300 cassette in legno, numerate progressivamente come si conviene ad una opera in tiratura limitata, con numeri che vanno da 1 a 300, contenenti ognuna 6 bordolesi di Rosae Mnemosis.

Sul fronte di ogni cassetta è riprodotta l’opera “Il Principe Scomposto” di Vanni Cuoghi, artista contemporaneo. Nelle sue opere ama unire lo stile della rappresentazione con la narrazione stessa, dipingere figure dall'aspetto innocente come se fossero tratte da vecchi sussidiari o libri per l'infanzia e inserirle in un contesto dai toni inquieti.

Per questo vino Cuoghi ha studiato la rappresentazione di un gesto d'amore - estremo-ma pur sempre d'amore, dettato forse da uno stato d'animo passionale.
L´artista cerca nella forza del mito e nel legame che unisce Dionisio al vino la magia di quella bevanda che porta l’uomo a liberare naturalmente le proprie passioni legando insieme il ciclo della vita e della morte.

Questa è la prima di una serie di vini che ogni anno saranno presentati con una veste artistica, ogni volta studiata ad hoc, grazie alla collaborazione tra la gallerista, la produttrice. Art Box avrà ogni anno un artista chiamato per l’occasione a sottolineare la qualità di un vino d’autore.

2 commenti:

sandra ha detto...

Sto pensando a te! :)

silvia ha detto...

...grazie Sandra !