venerdì 4 aprile 2008

Nakone….




L’estate si avvicina ed io Vi presento Nakone, grande Siciliano.
E’ un Sicilia I.G.T. vendemmia 2007, chardonnay in purezza.
I vigneti si trovano a 6-700 m. di altitudine, esposti a nord-ovest per una maturazione lenta, in un luogo speciale, all’ombra del tempio di Segesta.
Nakone è l’interpretazione elegante e nuova di un vitigno possente e antico.

Per me rappresenta un avventura nel vino, nata dal fascino fortissimo che la Sicilia ha esercitato su di me fin dalla prima volta che l’ho visitata.
E’ infatti questa terra la protagonista, con il suo sole e il suo calore, i colori della delle sue albe e dei tramonti.
Questo il luogo magico che ha fatto incontrare a Federico Curtaz ed a me, l’enologo siciliano Salvatore Martinico.
Da questa unione sacra è nato Nakone, una città che non è ancora stata trovata, un vino che ancora non c’era.

Nakone,di cui abbiamo prodotto solo 6.000 bottiglie, sarà in commercio dal mese di Maggio 2008...

3 commenti:

nikkoste (please surprise me) ha detto...

ormai si sa molto di come nasce un buon vino, molto meno di come nasce il nome che porta. in quanti modi diversi, secondo quali suggestioni si sceglie un nome per un vino? e come nasce questo "nakone"?

Stefano

silvia ha detto...

Caro Stefano,
belle le tue domande...
Nakone, città mai trovata degli Elimi, ci ha ispirato per dare il nome al nostro primo vino siciliano. Nakone uno chardonnay da un vigneto all’ombra del Tempio di Segesta. Un suolo asciutto, calcareo e argilloso come conviene a questo vitigno. Una esposizione a nord ovest e un altitudine di 700 metr, per una maturazione lenta e regolare. Nakone una città che non è ancora stata trovata, un vino che ancora non c’era, l’interpretazione elegante e nuova di un vitigno possente e antico.

Oggi le mode veloci fanno diventare sorpassati i classici, fondamento vero della nostra cultura, in omaggio a un concetto di nuovo- vecchio sublimemente superficiale.

nikkoste (please surprise me) ha detto...

il tuo commento di risposta mi impone una considerazione, spero non banale: quanto la tecnologia sia inutile senza emozioni. vedi, avrei potuto cercare Nakone su google, avrei ottenuto una definizione scarna ed efficiente, ma mi sarei perso la suggestione delle (tue) parole, anch'esse fondamento materiale della ns cultura.