martedì 10 giugno 2008

il roso nella vigna...


Pubblico con piacere la poesia di un' amica del concorso letterario di Villa Petriolo, Il roso nella vigna.
Sono parole della signora Miriam Casalini Serni, autrice, tra le altre tante pubblicazioni, del libro "Dal tetto al pagliaio. Bricciche del vecchio Chianti".

Grazie, cara Miriam!




Il roso nella vigna.



Ho visto un roso a capo della vigna,

come una volta tant’anni fa,

che al vecchio zappatore nei filari

parlava di malanni e sanità.

Stava la vite stretta al suo pioppino,

come un Bacchino adorno di viticci.

Dall’arse zolle d’alberese al colle

linfa di vita in due facean famiglia.

Paletti di cemento calcinati

ritti in geometrico disegno,

aridi stolli, valido sostegno

a scabra vite ed ai novelli tralci,

come ragazza madre, senz’ affetti.

Un refolo.

La nebbia che sbambagia.

Raggio di sole con odor di rosa.



Miriam Serni Casalini

2 commenti:

Carla Maria Russo ha detto...

Ancora un gioiello di questa fine e originalissima autrice, che sa rielaborare e trasfigurare con rara sensibilità poetica la realtà più umile e semplice, innalzandola con brevi, delicatissimi tocchi, a luogo della memoria e dei sentimenti condivisi a paradiso terrestre perduto, amato e rimpianto. Come sempre, nelle poesie di Miriam, echi di Carducci e Pascoli convivono con il suo personalissimo stile, fatto di raffinata semplicità, misurata ricercatezza e guizzi di autoironia

silvia ha detto...

Cara Carla Maria,

La ringrazio per le sue parole...la poesia della signora Miriam ci ha colpito molto. Un vero piacere pubblicarne i versi.

Un caro saluto ad entrambe.

silvia