venerdì 26 giugno 2009

Quella naturale inclinazione....in maschera veritas? La cerimonia di premiazione del concorso letterario di Villa Petriolo S'io fossi....vino




La mostra fotografica "Nella sera d'amore di viola" di Alena Fialova'



Una serata che, nel ricordo del giorno dopo, ancora mi scalda il cuore, quella che si è svolta ieri a Villa Petriolo, con gli amici più cari ad accogliere e festeggiare i vincitori della terza edizione del concorso letterario di Villa Petriolo, dal titolo S'IO FOSSI...VINO. Epifanie dello spirito.


Ancora tanti complimenti alla dolce Giselda Campolo, che si è meritata il primo premio col suo suggestivo "Com'i' sono e fui". Un giovanissimo talento al quale Villa Petriolo augura i migliori successi. A Chiara Riondino l'onere e l'onore di dare voce alla sua fuggevole epifania dello spirito....



Qui sotto è ritratta, in compagnia dei genitori - che l'hanno accompagnata in Toscana dalla natìa Messina - dalla fotografa Alena Fialova', che per l'occasione ha prestato il suo sguardo d'artista a Villa Petriolo, immortalando tutti gli ospiti all'entrata della villa (e consegnando a tutti il piccolo souvenir della serata, la loro foto...all'impronta, firmata dall'autrice della bellissima mostra fotografica "Nella sera d'amore di viola" ospitata nei locali al chiuso di Villa Petriolo), dopo che ognuno di loro aveva indossato la "maschera del vino" - o mistura immaginifica - che la giovane creativa Ylenia Lopomo, studentessa dell'Istituto d'arte di Firenze, ha creato in pezzi unici per tutti noi. Tralci di vite, lacrime di rosso, calici, filari di viti, spighe, fiori, gale, pizzi, lustrini, hanno arabescato i volti sorridenti di chi varcava la soglia. Ad incorniciare gli sguardi, anche le belle immagini che gli autori del concorso hanno inviato a corredo dei racconti, trasformate per l'occasione in vino alla seconda. In maschera veritas? Qui l'incoraggiante reportage dell'amico Andrea Gori. Definisce Villa Petriolo una "corte rinascimentale"...magari, caro Andrea. Proviamo a ricordarci almeno lo spirito che li animava, questi centri propulsori di cultura, che in una terra di ville medicee, come Cerreto Guidi e il Montalbano sulle cui dolci colline ci troviamo, è doveroso contribuire a mantenerne viva almeno la memoria.






La vincitrice Giselda Campolo con i genitori




Ancora tanti complimenti anche ad Alessio Cannarozzo, secondo classificato col racconto "La vivace assonnanza con Barbara (balbettii)" e all'accoppiata Pier Paolo Catucci e Giovanni Puglisi, sul podio con "Climax - Le gioie di non andare fuori tema, Ovvero. S'i' fossi vino".


Alessio Cannarozzo (a sinistra) con un amico


Da sinistra: Pier Paolo Catucci e Giovanni Puglisi

Ed ecco, direttamente dal Nicaragua, Nely Iveth Diaz Lopez, che col suo delicato "Un valzer nel vino" ha vinto il premio internazionale della Strada dell'olio e del vino del Montalbano, la sezione speciale promossa grazie a Le colline di Leonardo e al supporto dell'Agenzia di Viaggi Turandot di Empoli. Qui la bella storia di Nely e del concorso letterario di Villa Petriolo.


Nely (la terza da sinistra) con le amiche che l'hanno accompagnata a festeggiare il premio di Villa Petriolo, un viaggio e una vacanza di una settimana sulle colline del Montalbano. La prima da sinistra è Francesca del Residence Casa Italia, dove Nely ha trascorso il suo soggiorno in Toscana


Luciano Pallini, responsabile operativo dell'Associazione Strada dell'olio e del vino del Montalbano, e la sua signora


Elena Bartalucci e Michela Giraldo dell'Agenzia di viaggi Turandot

Anche il coinvolgimento delle scuole ha assunto un valore speciale in questa occasione: oltre ad aver premiato due studenti d'eccellenza, Francesco Innocenti per l'Istituto Enriques di Castelfiorentino e Cassandra Giuliani per la Scuola Martini di Montecatini Terme, che sul vino hanno scritto racconti originali, il servizio di sala e sommellerie di Quella naturale inclinazione è stato affidato interamente ai ragazzi delle scuole, coordinati dai loro indefessi professori. Un percorso di formazione che a Villa Petriolo ha visto concretizzarsi le naturali inclinazioni di valenti giovani e giovanissimi...tanti, belli, sorridenti, volenterosi gli studenti che si sono avvicendati nel servizio. E, diciamocelo...servire al tavolo con le magnum di vino non è facile neppure per professionisti navigati! Quindi, bravi a tutti i nostri studenti, che si avvicinano al vino con la passione e la dedizione che questo straordinario prodotto merita.


I ragazzi delle scuole Enriques e Martini impegnati a Villa Petriolo


La studentessa Cassandra Giuliani dell'Istituto F. Martini di Montecatini Terme, autrice del racconto "Il vino nostro amore e figlio"



Lo studente Francesco Innocenti della Scuola Enriques di Castelfiorentino, autore del racconto "Se io non fossi vino"


Francesco e Cassandra, premiati per i loro racconti, sono accompagnati sul palco dai rispettivi professori, il Preside Giacomo D'Agostino e il professor Filippo Lorenzi





Ad impreziosire il giardino di Villa Petriolo, nei momenti deputati all'aperitivo, le splendide creazioni dei maestri artigiani di Confartigianato Firenze, coordinati dal Presidente del settore Restauro Riccardo Bianchi e dalla signora Alessandra Guerrini. Le antiche manifatture fiorentine hanno allietato la vista e l'anima dei nostri ospiti: i laboratori all'aria aperta del micromosaico, della lavorazione del legno, del ferro battuto, della pelle, gli affreschi, i dipinti, le terrecotte, hanno dimostrato che il saper fare è un'arte a tutti gli effetti, come il cesellare le parole, preparare buoni cibi, vinificare. Ricchezze e tradizioni che il nostro territorio esprime in maniera naturale. Un grande ringraziamento alle eccellenze di Confartigianato.

E tra i maestri artigiani, un ringraziamento speciale all'orefice Alessandro Piovanelli, che ha omaggiato gli intervenuti alla serata con un delizioso segnaposto da calice in argento, lavorato con la maestrìa di secoli di tradizione fiorentina.


Il maestro orafo Alessandro Piovanelli




















Di Confartigianato Firenze, prestigioso partner del concorso di Villa Petriolo, le rappresentanti Alessandra Guerrini e Simona Bartalozzi





La scrittrice Serena Gentilhomme, autrice del racconto "Bevimi!", ammira le opere dei maestri artigiani








Al clou della serata, il ricordo appassionato, a cura di Mirco Mariotti e Filomena Menna, di Mario Soldati, a cui "S'io fossi...vino" è dedicato. Mirco termina il suo importante intervento con queste parole...

La sinestesia e la socialità insite nella degustazione del vino sono la chiave di lettura del suo mondo sotteso, che può essere vissuto nell'intimità delle nostre case, o in luoghi ameni e speciali...



E Filomena legge, con la sua voce calda e vivace, da "Vino al vino": La semplificazione ci sta travolgendo (...) una maggioranza sempre crescente, in tutto il mondo, crede che il vino sia un oggetto di consumo come tanti altri, sottoposto alle normali, note, ferree leggi della produzione industriale e della distribuzione commerciale: mentre il vino, appena supera un certo livello, davvero minimo, di qualità, si può comunemente giudicarsi buono, sano, genuino, bevibile, è ben altro: perché il vino sta in un rapporto diretto con ciascuno di noi, un rapporto momentaneo, individuale e quasi incomunicabile gli altri.

Grazie a Mirco e Filomena per il loro aiuto, per averci ricordato l'insegnamento di Soldati e, come dice Mirco, che l'atavico umano desiderio di chi fa il vino è quello di trarre dal frutto della vite un sospiro che profumi d'eterno.


La simpatia di Filomena Menna, Mirco Mariotti e Alessandra Rossi

...e la bravura, ascoltare per credere.




Andrea Gori



Un grande ringraziamento a tutti gli Enti che hanno creduto nel progetto di Villa Petriolo e che ci hanno sostenuti con la preziosa collaborazione istituzionale.


Il direttore del Circondario Empolese - Valdelsa Alfiero Ciampolini


L'Assessore all'Agricoltura della Provincia di Firenze Pietro Roselli e la sua signora


Il direttore del settore Agricoltura, caccia e pesca, risorse naturali della Provincia di Firenze Gennaro Giliberti e signora


Laura Alberighi, responsabile dell'ufficio attività turistiche della Camera di Commercio di Firenze


Stefania Marvogli, responsabile dell'Associazione Le Terre del Rinascimento


L'Avvocato Nicola Baronti, Presidente del Comitato della Dama di Bacco di Vinci


Paola Panicci, Ufficio cultura del Comune di Empoli


Il dirigente scolastico di Cerreto Guidi Architetto Silvano Salvadori con la moglie Bruna Scali, pittrice

E un grande grande grazie agli amici produttori che mi hanno fatto dono della loro compagnia in questa occasione speciale...il Cav. Benanti, l'amica Manuela, Lorenzo Zonin, il padre di Montepepe Alberto Poggi.



Manuela Zardo


Alberto Poggi e signora

E grazie infinite della loro compagnia agli amici, le redazioni, i giornalisti...Leonardo Romanelli, Umberto Ginestra, Marco Gemelli, Francesca Lucchese, Lucia Grilli, Alessandro Frassica,..


La direttrice di Reality Margherita Casazza (a destra) e la sua assistente



Lucia Grilli, giornalista de I grandi vini, responsabile eventi


La giornalista Francesca Lucchese, responsabile rubriche de I grandi vini, con l'amica Silvia Grassitelli


Il responsabile e la direttrice editoriale di Reportnet, Franco Triolo e la sig.ra Carla Cavicchini


Sister Saimon con Nicola Perullo


L'agronomo Roberto Abate


L'amica Rita Brugnara, Vicepresidente Giunti Progetti Educativi, con la figlia


Giordano Menicucci


Le nostre splendide hostess Giulia e Claudia con Dino


Ylenia Lopomo (autrice delle bellissime "maschere del vino") e Lisa Lavoratorini, deliziose hostess


L'Avvocato Gemma Giusti e Alessio Piovanelli


Corrado Fodale,Helmuth Andergassen e Lukas Harpf


Paolo Terzolo, Silvia, Federico Curtaz, mamma Giovanna


Con Lavinia e la sua tata Elena


Rosario Campanile con la moglie


Tanya e Silvano Fontebussi


Il commercialista Stefano Bonamici col padre Vasco


Il Preside dell'Istituto Enriques Giacomo D'Agostino con la moglie


Il Prof. Maurizio Poli dell'Istituto Enriques di Castelfiorentino


I Professori Filippo Lorenzi e Edoardo Govi dell'Istituto Alberghiero F. Martini di Montecatini Terme


Gli amici Umberto Ginestra e la moglie Giusy


Daniela e Galeno Piccini, amici di Giovanna e Moreno


Il collaboratore di Villa Petriolo Salvatore


Mauro Tosi






Massimo Bonistalli e signora: Massimo è l'autore della foto "Naturalis aptitudo" che compare sulla copertina della pubblicazione ETS dei racconti vincitori di "S'io fossi...vino"


Un ringraziamento di cuore ai nostri giurati, tutti, per la grande disponibilità e la generosità con cui hanno portato a termine il loro non facile compito.


Chiara Riondino, Federico Curtaz, Edoardo Vigna, Claudio Cinelli discutono già dalla prima mattina del week end destinato alla selezione dei testi vincitori, in maggio. Chi vincerà?


La cantautrice Chiara Riondino, casco da speleologo in testa, durante "Quella naturale inclinazione" legge tra i convitati il racconto vincitore "Com' i' sono e fui" di Giselda Campolo


Da sinistra: Chiara Riondino, la vincitrice Giselda Campolo, gli attori Andrea Giuntini, Andrea Vagnoli e Nicoletta M. Loisi durante una pausa di "Quella naturale inclinazione"


Il regista teatrale Claudio Cinelli e la sorella Grazia


Il giornalista de Il Corriere della Sera Edoardo Vigna e la moglie Manuela


Una performance di teatro-danza di Katia Frese ed i suoi ballerini accompagna la lettura del racconto vincitore


Il papero al melarancio, ricetta rinascimentale introdotta da Caterina de' Medici alla corte francese e che a Cerreto Guidi è magnificata dalla sagra di luglio: da non perdere



Silvia e Simona Maestrelli


La vincitrice Giselda Campolo e Diletta Lavoratorini, progettista del concorso letterario di Villa Petriolo: si lancia il tema della quarta edizione, datata 2010


Le prime tre edizioni del concorso letterario di Villa Petriolo



I saluti...arrivederci al prossimo anno e grazie ancora agli amici di Villa Petriolo e a tutti i nostri autori del terzo concorso letterario "S'io fossi...vino. Epifanie dello spirito"!

8 commenti:

G.* ha detto...

D'avvero l'In Canto.
A presto.
*

silvia ha detto...

Giovanni carissimo, è sempre un piacere grande, ed un onore, averti con noi a Villa Petriolo.
Un abbraccio forte a te e Pier Paolo ed ancora complimenti, a prestissimo. Spero che il mio vino vi faccia buona compagnia!

Serena Gentilhomme ha detto...

Per fortuna ci sono le foto, altrimenti sarei portata a credere che ho vissuto solo un sogno stupendo!

silvia ha detto...

Serena cara, grazie della tua compagnia! Sono felice che tu sia stata bene...l'impennata del cavallo col dio Bacco in groppa (alias Rosario) era un omaggio al tuo bellissimo "Bevimi!".
Un abbraccio, a presto

Pier Paolo ha detto...

-Nel giardino si fa rossa l'arancia, impercettibile il tempo danza sulla sua scorza-
S.Q.

Grazie dell'Essere stati eterni attori di favole/in una notte.

A presto.

Pp

Filomena ha detto...

Grazie di tutto davvero...una serata fantastica!!!
Spero di poter ancora partecipare ad iniziative così belle.

silvia ha detto...

Pier Paolo, grazie infinite per averci regalato le tue parole e la compagnia deliziosa. ancora tanti complimenti. a presto.

silvia ha detto...

Ciao Filomena, nn manchernnno occasioni! Ancora tante grazie anche a te e Mirco: l'intervento su Soldati ha reso tutta la passione di questo grande uomo del vino a cui abbiamo voluto dedicare il concorso. Bravi!
Un abbraccio.